Attivi da febbraio 2015

Falchi avvelenati con “piccioni kamikaze”

Due falchi pellegrini sono stati ritrovati morti martedì in un nido artificiale installato sul camino di una centrale per il riscaldamento a legna nella zona di Hagenholz/Aubrugg. I due rapaci, entrambe femmine che stavano covando, sono state avvelenate con dei piccioni ai quali è stato applicato del veleno sulla nuca. Grazie alle indagini si è potuto stabilire che si trattava di prede appositamente preparate.
 
Grazie ad una fondazione, l’associazione ASPU/Birdlife svizzera, mette a disposizione 10’000 franchi a chi fornirà utili informazioni per l’arresto dei responsabili di questo terribile gesto. Qualunque persona abbia notato qualche atto sospetto è pregata di avvisare la polizia cantonale di Zurigo, telefonando allo 044 247 22 11.
 

Tratto dal Corriere del Ticino

Nessun commento ancora

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Pubblicità

Luna

CURRENT MOON

Foto del giorno

Svasso Maggiore

Avvistamenti

Avvistamenti nel 2017:
110 specie in Svizzera.
Avvistamenti totali:
195 specie in Svizzera.
208 specie in Europa.
Copy Protected by Chetans WP-Copyprotect.